OH Comics Completo

SPETTACOLO OPEN (h)AIR COMICS

21 NOVEMBRE 2015, ORE 21.00

 

 

Nell’incantevole Salone d’Onore del settecentesco Palazzo Albergati (Zola Predosa, BO), negli stessi luoghi frequentati da illustri personaggi del passato come Goldoni e Voltaire, si è svolto lo spettacolo Open (h)Air Comics contro la violenza sulle donne.

Musica dal vivo, danza classica e moderna, illustrazioni, fotografie e filmati si sono fusi insieme per uno show multimediale con lo scopo di celebrare la bellezza delle donne e comunicare la loro forza, femminilità, libertà e individualità. Un approccio originale nel trattare il tema delicatissimo e purtroppo attualissimo della violenza contro le donne dove spesso ci vediamo messi di fronte ad immagini brutali.

Lo spettacolo, culmine del progetto nato per volontà di Paola Luciani che lavora con la fotografia terapeutica da diversi anni a Bologna, aveva come filo conduttore i capelli: i capelli lunghi e sciolti delle giovanissime ballerine che hanno interpretato con grandiosa abilità e sentimento una varietà di situazioni per rappresentare la violenza e la libertà. In questo modo gli spettatori hanno visto sul palco una favola di gelosia tra sorelle, la storia di una zingara seduttrice, la storia di una prostituta e di una maga guaritrice. Ogni coreografia, realizzate da Marika Mazzetti, era accompagnata dai 4 musicisti sul palco o da reading di poesie.

Dietro le quinte, Giuseppe Scaramuzzo, Direttore Artistico di Barex Italiana ha realizzato tutte le acconciature per lo spettacolo, trasformando le giovani danzatrici nei loro personaggi di scena e valorizzandone la materia capello. Un ruolo importantissimo visto che i capelli erano lo strumento principale di comunicazione nel loro linguaggio del corpo.

Patrocinato dalla Casa delle Donne per non subire violenza Onlus di Bologna, lo spettacolo Open (h)Air è stato inserito per il secondo anno consecutivo nel X Festival “La Violenza Illustrata”, unico Festival in Italia che parla per un mese intero di violenza contro le donne attraverso mostre, conferenze e eventi che hanno avuto luogo in tutta la città.

 

 

BAREX ITALIANA E OPEN (h)AIR PER LE DONNE – DIAMO UN AIUTO VERO ALLE DONNE IN DIFFICOLTA’

In concomitanza con la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne dell’ONU (25 novembre 2015), Barex Italiana chiede ai suoi clienti di diventare parte attiva del progetto e dare un sostegno concreto alle donne che hanno subito violenze.

Potrà essere fatta una donazione libera al centro antiviolenza “La Casa delle Donne per non subire violenza” durante la settimana del 21 al 28 novembre.

La Casa delle donne è un’associazione femminile che combatte la violenza sulle donne in tutte le sue forme ed è attiva a Bologna da più di 20 anni.  I servizi della casa sono completamente gratuiti e comprendono colloqui telefonici, colloqui individuali personali, case rifugio, gruppi di sostegno, informazione e consulenza legale, sportello di orientamento e accompagnamento al lavoro, sostegno alla genitorialità per madri e per coppie di genitori le cui figlie minorenni subiscono violenza dal partner,  sostegno psicologico ai minori vittime di violenza e molto altro ancora.

La famiglia Baiesi e tutto lo staff di Barex Italiana sono orgogliosi di essere main sponsor di Open (h)Air Comics.

 

Cos’è Open (h)Air Comics?

 

Un progetto straordinario contro la violenza sulle donne per sensibilizzare le persone a proposito di questa piaga sociale attraverso l’arte: la fotografia, la danza, le illustrazione e filmati. E’ un modo unico e originale per fare crescere la consapevolezza sulla violenza senza mettere in mostra immagini violente ma celebrando invece la bellezza delle donne, la loro forza, la loro femminilità, la loro libertà e individualità.

Guardate il video di presentazione:

I  capelli come simbolo di Open (h)Air Comics

 

Come vedrete nelle fotografie, filmati e illustrazioni i capelli sono sempre al centro delle immagini: i capelli lunghi e sciolti di un gruppo di ballerine giovanissime che danzano libere all’aria aperta. Da qui prende il nome il progetto Open (h)Air Comics: un gioco di parole dall’espressione in inglese “Open Air” che significa aria aperta e la parola “hair” che significa capelli. Proprio come spiega il titolo del progetto, le ragazze muovano i capelli lunghissimi durante delle sessioni di ballo libero per rappresentare appunto la loro femminilità, il loro essere donne, la loro libertà di espressione.

Il progetto nasce dalla volontà e creatività di Paola Luciani che lavora con la fotografia terapeutica da diversi anni a Bologna , che ha scelto questo gruppo di giovani donne (dai 13 ai 16 anni) come portavoce e testimonial del suo messaggio. Tramite la fotografia terapeutica le ballerine sono riuscite ad esprimere i loro pensieri, sono cresciute e maturate prendendo coscienza del problema sociale e di loro stesse nei confronti della violenza sulle donne. Un grande aiuto che l’arte e la fotografia possono dare per avere più consapevolezza.

Sono cresciute e maturate proprio grazie al progetto ed da qui che bisogna iniziare. Parlando della violenza, essere solidali fra di noi, eliminare la paura e creare le basi per una società fondata sull’uguaglianza e il rispetto.

Open (h)Air Comics ha coinvolto anche la stesura di un saggio antropologico sui capelli “Ciocche e Trecce. La donna tra i suoi nodi.” curato dall’antropologa Nadia Berti, sulla storia dei capelli e la loro importanza attraverso i secoli come simbolo per eccellenza di identità femminile. 

 

Open (h)Air Comics 2015

 

In occasione del nuovo servizio fotografico Open (h)air, il nostro Direttore Artistico Giuseppe Scaramuzzo ha contribuito al progetto creando delle elegantissime acconciature floreali per le ballerine che muovendo i capelli hanno fatto danzare anche i fiori!

Ecco in anteprima alcune foto della giornata che verranno presentate ufficialmente il 21 Novembre 2015 in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne dove le stesso gruppo di ballerine che vedete  nelle foto prenderanno parte ad uno spettacolo di interazione creativa nella meravigliosa cornice di Palazzo Albergati di Zola Predosa (BO) dove musica, danza, reading, foto, video e disegni si fonderanno insieme dando vita ad una rappresentazione emozionale di arte contaminata. Le foto verranno esibiti inoltre in occasione del X Festival “La Violenza Illustrata”, patrocinato da Casa della Donne per non subire violenza: è l’unico festival del suo genere in Italia che dura un mese interno e che comprende spettacoli, mostri e conferenze in tutta Bologna per combattere la violenza contro le donne.

Open (h)Air diventa fumetto – Open (h)Air Comics

 

Grazie all’incredibile talento degli illustratori Alex Ventura e Agnese Palladino, i capelli delle ballerine diventano disegni dai tratti decisi e netti che trasmettono lo stesso senso di forza e sicurezza che abbiamo vedendole ballare libere.

Per seguire tutte le novità del progetto andate sul profilo Facebook https://www.facebook.com/openhaircomics?fref=ts e sul sito di Paola Luciani: www.paolaluciani.com